30
Mar
10

Giapponese a Roma

Venti casalinghe romane, tre uomini gay, un gatto nero, Viola ed io eravamo seduti intorno al tavolo di presentazione. Abbiamo dovuto portare i nostri piatti e posate dalle case nostre.

Viola, che ha una fobia per l’igiene alimentare, è stata apoplettica. Le casalinghe romane dovevono essere detto spesso di smettere di chiacchierare. Gli uomini gay sono stati chiaramente aspettando sushi. Il gatto nero volevo solo salmone.

Ero l’unica foodie (cibista?) in presenza, disperata per parlare di umami e le sue implicazioni per il futuro di ketchup saporito (un argomento sono stato ossessionato da quando avevo letto un articolo su di esso in The New Yorker diversi anni fa) ma non è stata una tema interressante per questa folla.

Poi sake freddo era servito, ed è diventata una festa.


0 Responses to “Giapponese a Roma”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: